Sito a cura del Settore CSR e rendicontazione della sostenibilità del Centro competenze management e imprenditorialità (CMI) della SUPSI

Sito a cura del
Settore CSR e rendicontazione della sostenibilità del
Centro competenze management e imprenditorialità (CMI) della SUPSI

SUPSI – CMI – Stabile Suglio
Via Cantonale 18
CH 6928 Manno

STRUMENTI

Rapporto di sostenibilità semplificato

Rapporto di sostenibilità semplificato
Il rapporto di sostenibilità è un documento sempre più utile e diffuso, che raccoglie le buone pratiche messe in atto da un’azienda, permettendole di integrare le informazioni economiche con un rendiconto dell’impatto sociale e ambientale della sua attività. Per questo La Cc-Ti, quale associazione-mantello dell’economia ticinese, ha sviluppato – con il supporto scientifico della SUPSI e in collaborazione con la Divisione dell'economia del Dipartimento delle finanze e dell’economia (DFE) – un modello di rapporto di sostenibilità semplificato.

Le imprese hanno l’opportunità e l’esigenza di analizzare e comunicare l’esito del loro impegno ai propri interlocutori: azionisti, clienti, fornitori, dipendenti, comunità, enti finanziatori, pubblica amministrazione, associazioni del territorio, media, ecc. Il Rapporto di sostenibilità semplificato permette anche alle piccole e medie imprese di avere uno strumento di rendicontazione accessibile e idoneo ai loro fabbisogni. Il modello è disponibile on line al seguente link: www.ti-csrreport.ch. Nella piattaforma dedicata la tema, la Camera di Commercio ha inoltre messo a disposizione un video tutorial che fornisce le spiegazioni sulla modalità di compilazione del documento: https://www.cc-ti.ch/piattaforma-csr/

È opportuno sottolineare che la responsabilità sociale delle imprese è un elemento che, dal 2021, rientra anche nei bandi di concorso pubblici, con un valore di ponderazione del 4% nei criteri di aggiudicazione.
L’ottenimento di una separata “Dichiarazione di conformità” del rapporto (rilasciata dalla Cc-Ti) faciliterà sia il lavoro delle aziende, sia quello delle autorità chiamate a valutare i dossier.
Questo strumento non rappresenta la condizione per partecipare agli appalti pubblici ma resta su base volontaria ed è sostenuto dalla Divisione dell’economia del Dipartimento delle finanze e dell’economia e dall’Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche.

Il valore del rapporto di sostenibilità

  • Per comunicare il valore generato dall’impresa non solo a livello economico ma anche sociale e ambientale, dimostrando la propria affidabilità a 360° ai partner
  • Per consolidare l’immagine e la reputazione dell’impresa
  • Per integrare e sviluppare le buone pratiche, verificando e migliorando i propri parametri a livello di sostenibilità e di responsabilità sociale
  • Per partecipare e avvantaggiarsi nei bandi pubblici che riconoscono la premialità alle imprese socialmente responsabili
Condividi:

Iscrizione Newsletter

Sito protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla Privacy Policy e I termini di servizio di Google.